Si viaggiare...Cuba ed il traffico


Sono tante le cose che rendono diverse le giornate cubane.

Ci sono dei grandi assenti qui.

Ma spesso sono assenze che non...mancano, anzi, fanno capire che il nostro stile di vita paga un tributo altissimo all'equilibrio...ma che di quel qualcosa si potrebbe fare a meno.

Alcune assenza importanti le noti subito.

Il traffico ad esempio.

Già spostandosi dall'aeroporto alla città ti rendi conto che esiste ancora un mondo nel quale non si vive nel traffico convulso e disumano delle metropoli o delle città anche più piccole.

Certamente è un problema di mezzi ma anche di mentalità.

Tutto a Cuba segue un ritmo più tranquillo, mai frenetico, traffico incluso.

Questa è l'autostrada che corre come spina dorsale dell'isola da ovest ad est.

E qui puoi trovare un vasto campionario di soggetti che la percorrono, ma sempre con una certa calma al di là della "cilindrata".

In questo caso è un calesse tirato da un cavallo a rombare sull'asfalto a tre corsie;patente e libretto alla mano, verifichiamo i cavalli fiscali...

Che piaccia o meno i mezzi stessi utilizzati sono lo specchio di una concezione del tempo assolutamente diversa.

Tante persone si muovo su mezzi altrui ed aspettano un passaggio gratuito oppure a pagamento anche per lungo tempo.

Il tempo.

Questa è la grande misteriosa metafora cubana.

Il tempo è una dimensione liquida che si dilata in funzione delle esigenze delle persone, lungo, corto,medio, più lungo, più breve...

Si può anche aspettare e non solo perchè non si ha qualcosa da fare, mi perchè è necessario attendere e non si può fare diversamente, si accetta !

Il tempo è al servizio della gente e solo i turisti occidentali cercano di modificarne la fragile e misteriosa dinamica, così diventa il tiranno dei nostri giorni.

Tricicli spinti a pedali da ragazzi magrissimi, cocotaxi più evoluti, mezzi dal profilo leggero in tutti i sensi. Basta non avere troppa fretta e neppure la pioggia sarà un problema visto che in pochi secondi si stendono le tendine di plastica a proteggere i trasportati.

Semplice e pratico ma se hai fretta questo non è il tuo mondo.

Da viaggiatore questo è il mio paradiso,tempo per il tempo ed il resto aspetti.

Così puoi osservare,immaginare, sognare che esista un mondo diverso e possibile...

(cocotaxi è un progetto/prodotto misto fra stato cubano e Piaggio, una delle poche presenze occidentali in deroga al bloque che è il muro che provoca questo grande isolamento commerciale)

© 2019 By Mauro Bastelli.